di Rosetta Ravasi

Da "I Quaderni del Portavoce n. 3 - COME SI VIVEVA - la storia autentica dei nostri nonni" di CARLO VALLI

 

una poesia in chiave un po' polemica, il confronto di situazioni tra lieri e l'oggi.

I figli che oggi diventano genitori rimangono degli egoisti sfruttatori della loro mamma. L'adoperano e torna preziosa fintanto pu servire a curare i nipotini e mantenersi liberi per le loro distrazioni, divertimenti ed amicizie. Ma quando la nonna per et o malattia non serve pi, il posto che c'era quando era efficiente non c' pi e deve confinarsi alla Casa di riposo!  

 

I s'ciati ca sa spusa

in coeu 'l sii sa faan?

per vgha la ca bla

a laur a vaan.

Ma voeuran la sua mama

a vtaga a fa i miste,

craga i bagaj

per veghi no in di pe.

I s'ciati ca sa spusa in coeu 'l sii sa faan?

cunt i so culega

ghan da fass tru

per inda a spss o a mangi,

voeuran che la sua mama

la staga l a durm

per n lassa i bagaj

da per luur nocc e d.

Ma quant 'sta poeura dna

'l' propri in cas poeu;

se prima gh'era 'l post

adss a gha l'han poeu,

gha disan: "sta voeut fa,

i bagaj adss in grant

sa rangian sensa te,

a la casa di riposo

vidaret ta stareet bee".

Infen ca l'era sana

la druavan, lindava bee;

adess l' straca e strascia

"sa poeu menga stach adree".

La casa di riposo

l' piena ŝepa assee

gha na vuraria 'n oltra

ma granda 'n p pssee.