VARDA CA TOO VST

di: Renato Siesa - 31 luglio 2008

 

 

l inutil ca ta sa nascondt dadre la tua presnsa,

la tua finsa l tta unaparnsa,

ta seet fina n c tua, ma quant ta vedan n,

ta seet grsa m na bogia, al mutif ta spiegaroo.

 

S, parli con t, fa n la fintatonta,

fan finta da ven gi da val trompia.

Ier siira tho vst visen a la tua c,

ta purtavat al too caa in giir a cag.

 

L n per al caa, por crst anca luu,

al g diritu a cag, ma no n du l voeur luu,

al gaa da fala n du tal portat t,

ma fina ma taa seet, portal n dal praa dadr!

 

N, la signora, l sii du la purt l soo belee,

n dal giardint visen a la c de fianc a lee.

Seri l ca la vardavi, la fa fenta de n cap,

sciura a l n per caŝu dal so caa cal struns l?.

 

L diventada rusa, l riturnada in c,

insma l so caa, ma l struns l rest l.

A la matina dopo da sicr un quei poor crst

coi scarp spurc da mrda l mandar gli antacrst.

 

Varda ca too vst, a too futugrafada,

per cala voeulta ch, a too perdunada,

ma varda ca tavisi, se unoltra voeulta l suceet,

la tua futugrafia la finss soeu tueuch i mr dal paes.

 

 

Guarda che ti ho visto

Impossibile tradurre in Italiano questo brano perch perderebbe tutto fascino della lingua.

Questo brano dedicato a tutte quelle persone che, menefreghiste, portano il loro cane in giro a fare i loro bisogninioni, sui marciapiedi, nelle aiuole, nei giardinetti, nel verde pubblico, pur sapendo che esistono zone apposite dove portare il cane, che esistono i sacchetti e la paletta per raccogliere gli escrementi dellanimale, esistono appositi cestini dove metterli, ma per non fare quattro passi in pi, portano il loro tesoro nelle zone abitate, proprio vicino alle loro abitazioni. Ed il giorno dopo qualche povero disgraziato ne far le spese o sotto le scarpe e nelle ruote del passeggino del suo bambino.

Ma guarda che tho visto, sei avvisato, la prossima volta sarai fotografato e sui muri del paese sarai pubblicato.

 

 

 

Renato Siesa 31/07/08